volare sulla città di monopoli e oltre: riflessioni, politica, poesie.

7.1.06

Monopoli : una poesia in dialetto.

















U mére nuste (*)



Puste accóme ‘nu catenazze
strengìte m-minze a do vrazze
u mére nuste nan sépe u b-bène
chē ‘nge vóle u menupleténe.

Passe passe dē Tramundéne
u mule nuve â ròtte addrízze
â lemētúre i u mére grusse
acchjene ‘nē furtèzze

I ce t’ammìne còstē còste
i mèste d’assce di Fundēnèdde
te dőne u passe g-gjoste.

Nan te pére sòtte u Capeténe
de resperè l’arje du pèjúse
j-índe â chépe se fésce chjéne chjéne
u suspette ch’hè lasséte u parēvìse.

Mē quènne j-èsse sőpe â banghìne
nu sckaffe de vinde, de g-gènde, de grìde
na j-acchje nu crestjéne chē s’azzìde
pe t-totte u l-larghe j-ê sèmbe nē mujìne.

U  córe te fésce scurdè â fètìche
quènne t’affacce a u pórte andìche:
u meracle se sènde 
u timbe nan ‘nge pére
i vicchje sapene i pícce du mére.

Appícce i stúte, rosse i v-vèrde fésce:
stà m-móre nn’aldē scjurnéte
nan ‘ng’ēvaste nu pettóre o nu puéte
pe c-cundè u sőle chē scriêsce.

Mē quèndē sőle angóre annà scriè?

U mére s’aggìre i s’arrevòlde,
se fèrme i se guarde:
da ddè venèmme
i ddè amà t-turnè
‘stu mére m’agghje gudê
prìme de fè tarde.


Il mare nostro


Messo come un catenaccio
stretto in mezzo a due braccia
il mare nostro non sa il bene
che gli vuole il monopolitano.

Passo passo da Tramontana
il molo nuovo la rotta addrizza
il fortunale e il mare grosso
trovano una fortezza.

E se tu ti avvii lungo la costa
i carpentieri delle Fontanelle
ti danno il passo giusto.

Non ti sembra sotto la Capitaneria
di respirare l’aria del paese
nella mente si fa piano piano
il sospetto che hai lasciato il paradiso.

Ma quando esci sulla banchina
uno schiaffo di vento, di gente, di grida
non trovi una persona che si siede
per tutto il largo è sempre un trambusto.

Il cuore ti fa scordare la fatica
quando t’affacci al Porto Antico:
il Miracolo si sente
il tempo sembra fermarsi
i vecchi conoscono i capricci del mare.

Accende e spegne,
rosso e verde
sta morendo un’altra giornata
non basta un pittore o un poeta
per raccontare il sole che tramonta.

Me quanti soli
ancora devono tramontare?

Il mare si gira e si rivolta,
si ferma e si guarda:
da là siamo venuti
e là torneremo
questo mare mi voglio godere
prima di fare tardi.



(*) Ringrazio con affetto Gigi Rizzo che ha curato la corretta accentazione dei vocaboli dialettali applicando le imperiture norme del Dizionario scritto dal Prof. Luigi Reho.

3 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Ho letto con piacere questi versi, che mi hanno sinceramente sorpreso: le parole hanno ricostruito uno scenario a me familiare, hanno dipinto i luoghi che ho percorso e ripercorso in lungo e largo durante le pause di lavoro, ne hanno dipinto i colori, i rumori, le voci della gente che li anima... Ma di più - e ancora più sorprendente - le parole hanno descritto la sensazione di confidente abbandono, tante volte provata, ispirata dal mare e dalla città che in quel punto lo 'abbraccia'. Chi è di Monopoli, o chi c'è vissuto, puo' capire. Bravo Ferruccio.

Piero.

lunedì 23 gennaio 2006 22:01:00 CET

 
Anonymous Anonimo said...

MA QUANTO SEI BRAVO!!!!!!!!!

venerdì 18 dicembre 2009 16:41:00 CET

 
Blogger Unknown said...

è sua?

mercoledì 12 settembre 2018 19:20:00 CEST

 

Posta un commento

Grazie del vostro commento.

<< Home

 
Contatore web