volare sulla città di monopoli e oltre: riflessioni, politica, poesie.

7.1.06

Monopoli : una poesia in dialetto.

















U mère nuste



Puste a come ‘nu catenazze
strengite mminze a dò vrazze
u mère nuste nan sepe u béne
che ‘nge vole u monupoltén.

Passe passe de Tramundène
u mule nuve a rotte addrezzè
a lemeture i u mère grusse
acchjene ‘ne furtèzze.

I ce t’ammine coste coste
i mèste d’assce de Fundènedd
te done u passe gjoste.

‘Nan’te père sotte u Capetène
de resperè l’arje du pejise
j-inde a chèpe se fèsce chjène chjène
u suspètte ch’he lassète u parevise.

Me quènne j-èsse sope a banghine
nu sckaffe de vinde, de gende, de gride
na j-acchie nu crestjène che s’azzide
pe t-totte u larghe j-è sèmbe ne mujine.

U core te fèsce scurdè a fetiche
quènne t’affaccje a u porte andiche:
u meracle se sènde
u timbe nan’ge père
i vicchje sapene i picce du mère.

Appicce i stute,
rosse i verde fèsce:
stà m-more nn’alde scjurnète
nan’ge evaste nu pettore o nu puéte
pe c-cundè u sole che scriesce.

Me quande sole
angore annà scriè?

U mère s’aggire e s’arrevolde,
se fèrme i se guarde:
da dde venèmme
i dde amà t-turnè
‘stu mère m’agghje g-gudè
prime de fe tarde.


Il mare nostro


Messo come un catenaccio
stretto in mezzo a due braccia
il mare nostro non sa il bene
che gli vuole il Monopolitano.

Passo passo da Tramontana
il molo nuovo la rotta addrizza
il fortunale e il mare grosso
trovano una fortezza.

E se tu ti avvii lungo la costa
i carpentieri delle Fontanelle
ti danno il passo giusto.

Non ti sembra sotto la Capitaneria
di respirare l’aria del Paese
nella mente si fa piano piano
il sospetto che hai lasciato il paradiso.

Ma quando esci sulla banchina
uno schiaffo di vento, di gente, di grida
non trovi una persona che si siede
per tutto il largo è sempre un trambusto.

Il cuore ti fa scordare la fatica
quando t’affacci al Porto Antico:
il Miracolo si sente
il tempo sembra fermarsi
i vecchi conoscono i capricci del mare.

Accende e spegne,
rosso e verde
sta morendo un’altra giornata
non basta un pittore o un poeta
per raccontare il sole che tramonta.

Me quanti soli
ancora devono tramontare?

Il mare si gira e si rivolta,
si ferma e si guarda:
da là siamo venuti
e là torneremo
questo mare mi voglio godere
prima di fare tardi.

3 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Ho letto con piacere questi versi, che mi hanno sinceramente sorpreso: le parole hanno ricostruito uno scenario a me familiare, hanno dipinto i luoghi che ho percorso e ripercorso in lungo e largo durante le pause di lavoro, ne hanno dipinto i colori, i rumori, le voci della gente che li anima... Ma di più - e ancora più sorprendente - le parole hanno descritto la sensazione di confidente abbandono, tante volte provata, ispirata dal mare e dalla città che in quel punto lo 'abbraccia'. Chi è di Monopoli, o chi c'è vissuto, puo' capire. Bravo Ferruccio.

Piero.

lunedì 23 gennaio 2006 22:01:00 CET

 
Anonymous Anonimo said...

MA QUANTO SEI BRAVO!!!!!!!!!

venerdì 18 dicembre 2009 16:41:00 CET

 
Blogger Unknown said...

è sua?

mercoledì 12 settembre 2018 19:20:00 CEST

 

Posta un commento

Grazie del vostro commento.

<< Home

 
Contatore web