volare sulla città di monopoli e oltre: riflessioni, politica, poesie.

7.1.06

Monopoli : una poesia in dialetto.

















U mère nuste



Puste a come ‘nu catenazze
strengite mminze a dò vrazze
u mère nuste nan sepe u béne
che ‘nge vole u monupoltén.

Passe passe de Tramundène
u mule nuve a rotte addrezzè
a lemeture i u mère grusse
acchjene ‘ne furtèzze.

I ce t’ammine coste coste
i mèste d’assce de Fundènedd
te done u passe gjoste.

‘Nan’te père sotte u Capetène
de resperè l’arje du pejise
j-inde a chèpe se fèsce chjène chjène
u suspètte ch’he lassète u parevise.

Me quènne j-èsse sope a banghine
nu sckaffe de vinde, de gende, de gride
na j-acchie nu crestjène che s’azzide
pe t-totte u larghe j-è sèmbe ne mujine.

U core te fèsce scurdè a fetiche
quènne t’affaccje a u porte andiche:
u meracle se sènde
u timbe nan’ge père
i vicchje sapene i picce du mère.

Appicce i stute,
rosse i verde fèsce:
stà m-more nn’alde scjurnète
nan’ge evaste nu pettore o nu puéte
pe c-cundè u sole che scriesce.

Me quande sole
angore annà scriè?

U mère s’aggire e s’arrevolde,
se fèrme i se guarde:
da dde venèmme
i dde amà t-turnè
‘stu mère m’agghje g-gudè
prime de fe tarde.

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Ho letto con piacere questi versi, che mi hanno sinceramente sorpreso: le parole hanno ricostruito uno scenario a me familiare, hanno dipinto i luoghi che ho percorso e ripercorso in lungo e largo durante le pause di lavoro, ne hanno dipinto i colori, i rumori, le voci della gente che li anima... Ma di più - e ancora più sorprendente - le parole hanno descritto la sensazione di confidente abbandono, tante volte provata, ispirata dal mare e dalla città che in quel punto lo 'abbraccia'. Chi è di Monopoli, o chi c'è vissuto, puo' capire. Bravo Ferruccio.

Piero.

lunedì 23 gennaio 2006 22:01:00 CET

 
Anonymous Anonimo said...

MA QUANTO SEI BRAVO!!!!!!!!!

venerdì 18 dicembre 2009 16:41:00 CET

 

Posta un commento

Grazie del vostro commento.

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Contatore web