volare sulla città di monopoli e oltre: riflessioni, politica, poesie.

30.4.08

Ballerino di legno (Carillon)

Il tempo esploso
in un buio rattrappito
la vita percettibile
defluiva nell’attesa

cercavo affabulanti
passi di speranza
in questo universo
quadrato senza stelle.

Poi hai aperto
la scatola della mia vita
schiacciata
sul senso dell’inutile,

reso plasticità
alle mie depresse forme
e slancio finalmente.

Inebriata abbacinata
di luce folgorata
la musica incalza

carica la corda
dell’anima tesa

fremono lamelle
guizzano palpitano

e infine ballo per te
piroette sinuose

il mio dono per te
finchè lo vorrai

ballo per te
finchè terrai
dischiuso il mio cielo

fino alla fine
del tempo sfilante
sui denti del tamburo

ballo, m’avvito
m’inchino e m’inarco

solo per te
vibrante, il mio ballo

ritmati ghirigori
alte le braccia
fendono l’aria:

mentre osservi
divertita sirena

aggancio il tuo sorriso
scalo le tue guance
mi tuffo nell’iride

....e non mi fermo più!

0 Comments:

Posta un commento

Grazie del vostro commento.

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Contatore web